Privacy Policy

Nozioni semplici sulle barche a vela

Nozioni semplici sulle barche ed imparare ad andare a vela

Imparare ad andare a vela è facilissimo ma bisogna sapere qualche termine tecnico.

Il linguaggio marinaresco e’ uno dei piu’ belli e pittoreschi e naturalmente antichi.
Quando si naviga infatti e’ molto importante che i comandi impartiti dal comandante siano ben compresi e correttamente eseguiti dall’equipaggio.

L’imbarcazione

La parte anteriore della barca si chiama prua 
la parte posteriore poppa
la destra si dice dritta
la sinistra si dice sinistra
La parte dell’imbarcazione rivolta al vento e’ detta sopravento
la parte opposta sottovento
La parte immersa dello scafo e’ chiamata opera viva
la parte emersa opera morta
La copertura superiore dell’imbarcazione si chiama coperta
la zona a poppa dove trova posto l’equipaggio si chiama pozzetto

La deriva e’ una pinna che evita lo scarroccio
Sulle barche a vela la deriva e’ in metallo pesante e spesso presenta, nella parte inferiore, un bulbo o siluro.
Il peso del bulbo impedisce all’imbarcazione di scuffiare (ribaltarsi).
Sulle imbarcazioni di piccole dimensioni la deriva e’ di legno o materiale plastico ed e’ mobile (e si scuffia!!)
in questo caso l’imbarcazione stessa prende il nome di deriva.
Anche la pala del timone presenta una resistenza allo scarroccio oltre a consentire la direzione dell’imbarcazione.
Il timone puo essere a barra o a ruota

Per evitare che le persone finiscano in acqua ci sono dei cavi metallici detti draglie che formano una specie di ringhiera.
Le draglie sono sostenute dai candelieri e terminano su strutture di metallo detti pulpiti.
Alle draglie si fissano in parabordi che proteggono l’imbarcazione dagli urti durante l’ormeggio in porto.

L’albero ha la funzione di sostenere le vele
Sull’albero e’ fissato un braccio orrizzontale detto boma

All’albero sono issate le vele.
La vela anteriore e’ detta fiocco
la vela posteriore e’ detta randa.

Poiche’ l’unica forza di propulsione e’ quella del vento e’ molto importante la rotta che si segue rispetto alla direzione del vento:
l’andatura.


Quando il vento e l’imbarcazione procedono esattamente nella stessa direzione l’andatura e’ detta di poppa o a fil di ruota.
Stringendo un poco il vento si ha l’andatura di lasco.

Andature Quando il vento proviene dal traverso l’andatura si dice al traverso!

Se il vento proviene dalla parte anteriore della barca si riesce comunque a procedere.
L’andatura controvento e’ detta bolina.

Quando si porta la barca contro la direzione del vento si orza.
Quando si porta la barca maggiormente verso la direzione del vento si poggia.

 

 

 

I venti prendono un nome diverso a seconda della direzione da cui provengono: la rosa dei venti:

Nord: Tramontana
Nord-Est: Grecale
Est: Levante
Sud-Est: Scirocco
Sud: Mezzogiorno
Sud-Ovest: Libeccio
Ovest: Ponente
Nord-Ovest: Maestrale

 

 

 

 

Se desideri fare delle escursioni con noi , contattaci ne sarai entusiasta.

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2018: Passione Mare | Travel Theme by: D5 Creation | Powered by: WordPress